INFORMATIVA ANTI-RICICLAGGIO E ANTI-FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO DI UNICORN PAYMENT

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2021
In qualità di istituto finanziario globale, Unicorn Payment si impegna a rispettare tutte le leggi e i regolamenti applicabili in materia di antiriciclaggio (“AML”). Unicorn Payment si impegna a impedire ai criminali di utilizzare i propri servizi.

Unicorn Payment dispone di solidi protocolli e procedure per prevenire, mitigare, rilevare e segnalare eventuali sospette attività di riciclaggio di denaro, frode e altri reati finanziari, incluso il finanziamento del terrorismo.

Per ottemperare ai requisiti OFAC (Office of Foreign Asset Control) e alle sanzioni globali, la società tiene costantemente sotto controllo i conti di tutti i propri clienti rispetto agli elenchi di controllo del governo.

Alla luce delle disposizioni del Crime Act 2002 (POCA 2002), la società è tenuta a segnalare qualsiasi attività nota o sospetta di riciclaggio di denaro/finanziamento del terrorismo alla propria unità investigativa finanziaria locale (FIU), nella fattispecie, l’Agenzia nazionale anticrimine.

Impatto sull’utente

Secondo il Money Laundering Regulations (Regolamento Antiriciclaggio) 2017 (MLR17), le aziende sono tenute obbligatoriamente a condurre KYC utilizzando un approccio basato sul rischio. La società dispone di procedure in atto per soddisfare tali requisiti. Ciò significa che la società richiederà informazioni per aiutarci a identificare l’utente e la sua attività prima di poter fornire i servizi. La società potrebbe richiedere all’utente di fornire documentazione aggiuntiva per consentire alla stessa di ottenere una maggiore comprensione dell’attività di quest’ultimo.

Come parte del proprio impegno di monitoraggio continuo, la società potrebbe richiedere all’utente alcuni documenti in caso di variazione dei dati relativi a quest’ultimo o alla sua attività. Unicorn Payment condurrà revisioni dell’account sui propri clienti esistenti.

L’utente è indipendentemente responsabile del rispetto di tutte le normative applicabili e di tutte le tue azioni relative all’utilizzo dei servizi di Unicorn Payment, indipendentemente dalle finalità di utilizzo. Inoltre, è necessario rispettare i termini della presente Informativa sull’Utilizzo consentito.

Attività Vietate

Il servizio Unicorn Payment non può essere utilizzato per attività che:

  1. violino qualsiasi legge, statuto, ordinanza o regolamento applicabile;
  2. si riferiscano a transazioni che coinvolgono (a) narcotici, steroidi, determinate sostanze soggette a controllo o altri prodotti che presentano un rischio per la sicurezza dei consumatori, (b) accessori per farmaci, (c) sigarette, (d) articoli che incoraggiano, promuovono, facilitano o istruiscono altri a intraprendere attività illegali, (e) beni rubati, inclusi beni digitali e virtuali, (f) istigazione all’odio, alla violenza, all’intolleranza razziale o altre forme discriminatorie o sfruttamento finanziario di un reato, (g) articoli ritenuti osceni, (h) articoli che infrangono o violano qualsiasi copyright, marchio, diritto di pubblicità o privacy o qualunque altro diritto di proprietà ai sensi delle leggi di qualsiasi giurisdizione, (i) determinati materiali o servizi a sfondo sessuale, (j) munizioni, armi da fuoco o determinate parti o accessori di armi da fuoco o (k) determinate armi bianche o da fuoco soggette alla normativa applicabile.
  3. si riferiscono a transazioni che (a) rivelino informazioni personali di terzi in violazione della legge applicabile, (b) supportino schemi ponzi o piramidali, programmi a matrice, altri schemi di “arricchimento rapido” o determinati programmi di marketing multilivello, (c) siano associate ad acquisizioni di rendite o contratti di lotteria, sistemi di deposito, operazioni bancarie off-shore o transazioni per finanziare o rifinanziare debiti finanziati da una carta di credito, (d) siano destinate la vendita di determinati articoli prima che il venditore abbia il controllo o il possesso dell’articolo, (e) provengano da elaboratori di pagamento e destinate alla riscossione di pagamenti per conto di commercianti, (f) siano associate alla vendita di assegni turistici o vaglia postali, (h) comportino scambi di valuta o attività di incasso di assegni, (i) comportino determinati crediti riparatori, servizi di estinzione del debito, operazioni di credito o attività assicurative, o (k) comportino l’offerta o la ricezione di pagamenti a scopo di concussione o corruzione.
  4. implichino la vendita di prodotti o servizi identificati dalle agenzie governative come aventi un’alta probabilità di essere fraudolenti.